Cosa dovresti sapere sulle esche?

Cosa dovresti sapere sulle esche?

Questo, ciò che accomuna tutti i metodi di pesca è l'uso di esche. Si tratta qui di uno stimolo materiale diretto, il cui compito è provocare il morso del pesce. Pertanto, solo queste esche sono efficaci, quale da alcune delle loro proprietà – odore, gusto, consistenza, colore, Forma, dimensione, movimento ecc.. – ricorda ai pesci gli ingredienti del loro cibo naturale.

Le esche possono assomigliare al cibo naturale del pesce in molti modi. Questo non è solo legato alla dieta del pesce, vogliamo catturare, ma dipende anche dal metodo di pesca scelto (come consegnare l'esca). C'è una regola generale, che quando si tratta di pesce, che, in cerca di cibo, siano consapevoli dell'olfatto e del gusto e gustino la preda prima di consumarla, dovremmo usare solo esche naturali (commestibile). Tuttavia, quando si cattura il pesce, che sono principalmente concentrati sulla loro vista e che gli istinti non richiedono per controllare la qualità del piatto, esche artificiali (immangiabile). Di solito i pesci che si nutrono silenziosamente sono al primo posto, e la preda del secondo gruppo è meramente contrattuale; in entrambi i gruppi ci sono eccezioni a seconda dell'uno o dell'altro metodo di pesca. E sì, per esempio, da un lato, possiamo catturare con successo pesci non predatori con esche artificiali (per esempio.. mosche artificiali), d'altra parte, in alcuni metodi di pesca dei predatori, solo le esche naturali possono essere utilizzate con successo. In generale, dividiamo le esche in due gruppi di base:

- esche di origine naturale;

- esche artificiali.

A causa della loro origine e composizione di base, le esche naturali si dividono in:

– esche di origine animale;

– esche di origine vegetale.

A seconda del design e dello scopo, le esche artificiali sono divise in due gruppi principali. Questi sono:

– mosche artificiali;

– esche artificiali da spinning.